• Malessere e dolori
  • Prevenire i dolori posturali da “vita alla scrivania”

    Non sempre il corpo è stressato da troppo movimento. Anche l’immobilità legata alla vita sedentaria a cui si è costretti stando tutto il giorno alla scrivania, davanti al computer, predispone a dolori posturali: disturbi delle ossa, delle articolazioni, dei muscoli. Alla fine di una giornata passata in ufficio spesso ci si sente “pieni di dolori”: fastidi al collo, alla schiena, contratture e indolenzimenti, mal di testa. Si sta seduti tutto il giorno senza fare sforzi particolari, è vero, ma chini sulla tastiera per ore senza muovere un muscolo, assumendo una postura sbagliata sulla sedia o rispondendo al telefono continuando a scrivere tenendo la cornetta incastrata fra la spalla e l’orecchio.

    Chi passa molte ore alla scrivania dovrebbe usare una sedia ergonomica e cercare di mantenere spalle dritte e braccia e mani sempre appoggiate. Per ridurre gli effetti indesiderati dovuti ad una postura non corretta, bisogna accertarsi che la linea della parte superiore del monitor si trovi dieci centimetri sotto quella della vista.

    La ricerca in ambito posturale, in questi ultimi anni, ha dedicato molta attenzione allo studio di questo tipo di problematiche e sono stati presentati programmi che hanno lo scopo di migliorare la qualità della vita di chi lavora alla scrivania.

    È stata messa a punto la “ginnastica da ufficio”: routine semplici, brevi e facili da realizzare che possono essere eseguite nel corso di piccole pause durante la giornata. Lo scopo di questi esercizi è quella di favorire il rilassamento, la meditazione e i cambiamenti posturali al fine di evitare contratture, dolori e alterazioni articolari.
    Alcuni semplici esercizi da eseguire alla scrivania aiutano a salvaguardare ossa, muscoli e articolazioni:

    • a livello cervicale, il problema più comune è la tensione dei muscoli paravertebrali dovuta alla prolungata inclinazione della testa “in avanti”; per rilassarli, incrociate le dita sulla nuca, esercitando una pressione con i gomiti chiusi e guardando verso il basso. Aumentando la tensione a livello delle prime vertebre dorsali, si favorisce il rilassamento dei muscoli del collo;

    • per attenuare la tensione lombare, causata dalla lunga permanenza sulla sedia, si può eseguire il seguente esercizio: posizionare il braccio destro sulla parte sinistra della scrivania, ruotando leggermente il busto verso sinistra e mantenendo la posizione delle gambe. Ripetere lo stesso movimento dall’altra parte;

    • per alleviare la tensione a livello dei muscoli dorsali, sedersi su una sedia con le rotelle e allontanarsi piano piano dalla scrivania spingendo con le mani e i piedi finché le braccia e la schiena saranno distese. In questa posizione cercare di portare il petto verso il basso, quindi tornate alla posizione di partenza. Ripetere un paio di volte.

    100%
    0%
    0%